Eiaculazione Regolare e Prostata: Diminuisce il rischio di sviluppare il tumore?

  • da Emilio Italiano
  • 2 Years ago
  • 0

Buone notizie per gli uomini da New Orleans dove si è svolto il Congresso Annuale Degli Urologi Americani: una ricerca qui presentata evidenzia come si può essere in grado di diminuire il rischio di cancro alla prostata con una regolare eiaculazione.

Il consiglio benefico non è nuovo, ma è ora sostenuto dalla “prova più forte fino ad oggi” sul tema, secondo l’autore Jennifer Rider, ScD, MPH, un epidemiologo presso la Harvard TH Chan School of Public Health di Boston. “Non vi è alcun fattore di rischio modificabile di sviluppare il cancro alla prostata”, ha detto a Medscape Medical News. “Sarebbe emozionante poter dire agli uomini che ci sia un modo per modificare il loro rischio.” “Tuttavia quanto rilevato è frutto di dati osservativi ed ha esortato cautela nella loro interpretazione.

I risultati sono “affascinante”, ha detto Jesse Sammon, MD, un urologo presso l’Henry Ford Hospital di Detroit, che ha partecipato la presentazione del Dr. Rider. “E ‘stato il momento clou della sessione in epidemiologia del cancro, il moderatore ha definito lo’ studio più probabilità di essere un tweet ‘.”

Questi sono “incredibilmente dati di alta qualità”, ha detto il dottor Sammon, che non è stato coinvolto con lo studio.

Eiaculazione e Prostata: I risultati della ricerca degli urologi americani

I dati provengono da circa 32.000 uomini in Health Professionals Follow-up potenziali di studio, che ora sono stati seguiti per 18 anni.

Durante il periodo di studio, 3.839 uomini sono stati diagnosticati con cancro alla prostata incidente, 384 casi dei quali letali.

Alle assunzioni nel 1992, tutti gli uomini che partecipano sono stati invitati a segnalare la loro frequenza media mensile di eiaculazione da l’età di 20-29 anni e 40-49 anni, e durante l’anno precedente. Una media di vita è stato poi calcolato da questi rapporti.

Dopo potenziali fattori di confondimento sono stati controllati per il rischio di cancro alla prostata è stata inferiore del 20% negli uomini che eiaculato almeno 21 volte al mese rispetto agli uomini che eiaculato 4-7 volte al mese. La riduzione del rischio del 20% è stato riscontrato in età da 20 a 29 e da 40 a 49, e per la durata media (P tendenza <.0001 per tutti).

In età da 40 a 49, la maggior parte uomini (38,0%) hanno riportato 8 a 12 eiaculazioni al mese; solo l’8,8% ha riportato almeno 21 eiaculazioni al mese.

“Non dobbiamo soffermarci su il numero esatto di eiaculazione, ma invece dovrebbe concentrarsi sul rapporto dose-risposta”, consigliò il dottor Rider.

Ha sintetizzato: “l’attività sessuale sicura potrebbe essere buono per la salute della prostata.”

In particolare, non vi era alcuna associazione tra la frequenza di eiaculazione e il rischio di alta qualità, avanzati, o malattie letali, ha riferito. La ragione di tale eccezione non è noto.

Questi risultati sono un aggiornamento dell’ultima relazione importante da Health Professionals Follow-up Study, pubblicato circa 10 anni fa (JAMA 2004; 291:. 1578-1586). A quel tempo, gli investigatori hanno concluso che “alta frequenza di eiaculazione può eventualmente essere associato ad un minor rischio di cancro totale e organo-confinato alla prostata”, come riportato da Medscape Medical News.

Frequenza eiaculazioni incide sulla salute della prostata?

Molti altri studi hanno anche riportato che la frequenza di eiaculazione potrebbe essere legata al rischio di cancro alla prostata, con più orgasmi essere protettivo.

Ma questi nuovi dati hanno tre punti di forza eccezionale, il dottor Cavaliere ha detto.

In primo luogo, lo studio è prospettico, mentre la maggior parte degli altri studi sono stati retrospettiva, ei dati sono a lungo termine. In secondo luogo, lo studio prevede la più grande coorte fino ad oggi. E in terzo luogo, lo studio ha informazioni specifiche su eiaculazione, ha spiegato.

Mentre gli studi precedenti hanno avuto la tendenza a fare affidamento su “proxy” per l’eiaculazione, come l’età del matrimonio, il numero di figli, e il numero di partner sessuali, Professionals Follow-up Study investigatori erano audaci; essi esplicitamente chiesto eiaculazioni dal rapporto sessuale, la masturbazione, e le emissioni notturne.

L’età media degli uomini nello studio era di circa 59 anni, e che aveva subito una media di cinque prove di PSA entro il 2008. La maggior parte degli uomini sono sposati, ma gli uomini che hanno segnalato almeno 21 eiaculazioni al mese in età da 40 a 49 avevano più probabilità di divorziare rispetto eiaculatori meno robuste (11,8% vs 4% – 7%).

American Urological Association (AUA) 2015 Annual Meeting: astratta PD6-07. Presentata 15 Maggio 2015.

Precedente «
Prossima »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

CommentLuv badge

Ultime Notizie

Dottori.it